CANTONE: Comunicato stampa del partito comunista Ticinese, “Un parlamento fermo al 1992”

Il Partito Comunista ci ha inviato il loro comunicato stampa che come sempre pubblicchiamo integralmente.

Il siparietto messo in atto dall’UDC in Consiglio nazionale è una pagliacciata irrispettosa delle istituzioni, ma qualificare – come ha fatto un deputato del PSS – di “fascista” chi canta l’inno nazionale è altrettanto inopportuno, così come paragonare l’Ucraina golpista e guerrafondaia alla Russia.

I nostri consiglieri nazionali, al posto di guardare indietro al 1992 e arroccarsi su una votazione di 25 anni fa, dovrebbero finalmente ripensare da zero le relazioni internazionali della Svizzera, accettando finalmente che il sistema atlantico è in crisi e che il futuro si trova nell’area economica euroasiatica e nel progetto di Nuova Via della Seta. E questo non l’ha capito né la sinistra europeista né la destra nazionalista.

Partito Comunista
Massimiliano Ay, segretario politico

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter