LOSONE: Richiedenti asilo nei tre anni tutto sommato è andato tutto bene. TUTTE BUGIE!!!

Losone: A pochi mesi dalla votazione consultiva ecco le verità nascoste ai cittadini. Politici, simpatizzanti del centro richiedenti asilo, non hanno detto la verità!

 

Questo emerge in questi giorni, infatti in una sua dichiarazione scritta il Gerente del più grande ipermercato di Losone, in una sua missiva rende noto che in riferimento alla possibile riapertura del centro richiedenti d’ asilo presso la ex caserma San Giorgio di Losone, si sente di esprimere il suo completo sostegno ai fautori del “NO” alla riapertura.

Negli scorsi tre anni di apertura del centro i richiedenti asilo hanno creato grandi disagi nel centro in questione ma soprattutto all’ Ipermercato ivi presente.

Vi sono state molte, tante situazioni che che il Gerente e i suoi collaboratori non vorrebbero rivivere ancora a causa della presenza di richiedenti asilo a Losone, nell’emporio si sono subiti furti, borseggi e comportamenti fuori luogo a volte violenti, la polizia è intervenuta.

Il Gerente conclude dicendo che: “Spero vivamente che si trovi un’altra possibilità di sistemare i futuri richiedenti d’ asilo, ma non a Losone!

Quindi la polizia ha avuto il suo bel da fare anche in questo ipermercato di Losone, malgrado che chi avrebbe dovuto tenere informata la popolazione ha taciuto o l’ha raccontata diversamente. Ricordiamo che più volte qualcuno aveva interpellato in Consiglio Comunale chi di dovere citando fatti come quelli appena descritti, ma dall’altra parte si negava.

In un caso come quello analogo su un canale italiano ove va in onda il programma d’informazione Striscia la Notizia, ora avrebbero mandato in onda Emilio Fede che cita “CHE FIGURA DI M…..A!”

I cittadini di Losone nelle prossime, in vista della votazione consultiva, verranno messi a conoscenza di molte verità mai dette in riferimento ai richiedenti asilo.

Probabilmente per Losone si sta prospettando un periodo di cambiamento e non solo in Caserma….

 

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter