RONCO S/ASCONA: L’ASSOCIAZIONE NO AL PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE – si affida ad un Comunicato Stampa

Ronco S/Ascona: Riceviamo in redazione il comunicato stampa dell’Associazione NO al Parco Nazionale del Locarnese (PNL).

Pubblichiamo integralmente:

COMUNICATO STAMPA – ASSOCIAZIONE NO AL PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE

L’associazione No al Parco Nazionale del Locarnese ha preso atto della decisione del Patriziato di Ronco S/Ascona di non aderire al progetto di Parco nazionale del Locarnese. Questa notizia non fa altro che alimentare i sospetti profusi durante la fase di consultazione nella quale si è appurato che il Cantone, per questioni pianificatorie, potrebbe far prevalere il suo diritto in qualità di ente superiore per l’utilizzo del suolo patriziale.

Si ricorda che a norma di legge, (LOP legge organica patriziale) è previsto che un patriziato prima di cedere l’utilizzo del proprio terreno, debba sottoporre all’assemblea patriziale l’approvazione della stessa. Da 12 patriziati siamo ora passati a 11, e senza Brissago, che lo ricordiamo, con una missiva del 06.12.2017 comunicò ufficialmente la propria posizione contraria a Cantone e Comune, i quali fino ad oggi hanno temporeggiato con un certo imbarazzo e ancora non hanno risposto. Da 11 enti dunque, il 15.05.2018 passiamo a 10, come si permette l’ente Parco di diffondere informazioni false a riguardo delle adesioni patriziali? Come possiamo avere fiducia di organi istituzionali che rispondono in maniera inequivocabile solo quando sono messi di fronte all’evidenza pubblica, talvolta esasperando coloro che con legittimi diritti vogliono sapere quali sono le verità in gioco? La gente sta votando. Fra chi abbandona la nave a seguito della segnalazione di verità sottaciute e chi ha trovato il coraggio di esporsi per dare un segnale forte per dire basta a questo sistema, ci convinciamo sempre più che è un nostro diritto dubitare della trasparenza e della correttezza di alcuni enti preposti.

CORDIALI SALUTI

R. Pedroni

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter