LOSONE: Il Municipio ha issato la bandiera bianca della resa, quindi il discorso richiedenti asilo a Losone si chiude qui! Il comitato del “NO” ha ufficialmente vinto.

Losone: Il Municipio, in un breve intervento del Sindaco Corrado Bianda, ha annunciato in Consiglio Comunale che non licenzierà il messaggio municipale inerente la riapertura del centro asilanti a Losone. Quindi a Losone gli asilanti non verranno più accolti in caserma.

Dopo settimane di botta e risposta, dibattito pubblico, ieri domenica 10 giugno 2018 la votazione consultiva ha messo uno stop agli scontri. Con un 63,82% di affluenza alle urne, il 55% della popolazione di Losone ha detto “NO” alla riapertura del centro richiedenti asilo presso la ex caserma San Giorgio di Losone.

Questa sera si è stato convocato il Consiglio Comunale di Losone, per evadere le varie trattande soprattutto legate ai bilanci consultivi e domande di credito per opere pubbliche, nonché il cambio della guardia alla presidenza del Consiglio Comunale, infatti la nuova presidente eletta è Roberta Soldati Consigliera Comunale UDC e vice presidente cantonale UDC, a lei facciamo i migliori auguri di buon lavoro.

Dopo la nomina della neo presidente, il Sindaco Corrado Bianda ha preso la parola per annunciare all’assemblea che il Municipio, in una riunione straordinaria avvenuta ieri sera dopo la chiusura dei seggi, a fronte dello schiacciante risultato, nel rispetto della decisione popolare il Municipio ha deciso di rinunciare e non licenziare il messaggio municipale inerente la riapertura del centro richiedenti asilo, quindi il discorso caserma e asilanti, si chiude qui, infatti il Municipio informerà la Segreteria di Stato della Migrazione (SEM) le trattative saranno chiuse.

Pertanto visto la decisione municipale, possiamo dire che il comitato del “NO” Caserma ha vinto. Il comitato ha saputo informare e gestire in modo sincero l’informazione alla popolazione che ha compreso e capito, quindi si è espressa, premiando gli sforzi dei promotori del “NO”.

Da noi contattato, Guidetti Orlando il coordinatore del comitato del “NO”, ci ha detto,

“Sono felice della vittoria della democrazia e posso dire che a vincere non siamo solo noi del comitato ma soprattutto i cittadini di Losone, che ora meritano, nel sedime della ex caserma, lo sviluppo di progetti seri di interesse pubblico che creino posti di lavoro e siano coinvolgenti a livello regionale o anche internazionale, perché no?”

Durante il Consiglio Comunale, per tramite della presidente del gruppo Lega dei Ticinesi Beatrice Duca, è stato rivolto l’invito al Municipio, nel volersi chinare al più presto sui possibili progetti realizzabili presso il sedime ex caserma. La presidente Duca ha pure esortato il Municipio a coinvolgere i gruppi politici nello sviluppo delle idee per avere un più ampio ventaglio di suggestioni.

Ora non resta che attendere gli sviluppi.