LOSONE: Interpellanza del Vice presidente dell Lega dei Ticinesi Guidetti Orlando, il tema ancora asilanti presenti nel comune di Losone. Molte domande per il Municipio anche qualche stoccata.

Losone: Non si placa l’ondata leghista a Losone, Guidetti Orlando chiede lumi su informazioni acquisite durante il discorso del Sindaco Bianda, molte domande dirette al Municipio restando soprattutto nel tema della sicurezza, ma anche qualche legnata ai Consiglieri Comunali e Municipali che si erano detti favorevoli alla riapertura del centro richiedenti asilo presso la ex Caserma. Ricordiamo che il Vice Presidente leghista, aveva accusato i politici favorevoli di pensare solo al denaro e ora li mette difronte alla loro voglia di gesta umanitari. Sembra che Guidetti non scherzi per nulla.

Di seguito riportiamo integralmente il testo dell’interpellanza;

 

Gentile Signora/na Presidente,

Egregio Signor Sindaco,

Spettabili Municipali,

Onorevoli Consiglieri Comunali,

In relazione ai fatti avvenuti a Bellinzona, nella serata di sabato 9 giugno 2018, ove un branco di richiedenti asilo, verosimilmente di origine eritrea, hanno aggredito una copia di giovani ticinesi.

La ragazza 21 enne e il suo compagno 19 enne, mentre passeggiavano si sono visti importunare e poi aggredire. Questo è un fatto di violenza che dimostra e sottolinea ancora una volta che quando l’accoglienza viene fatta in maniera inetta, con il metodo accogliere ad oltranza, si mette in pericolo la sicurezza dei nostri cittadini e la qualità di vita a cui siamo normalmente abituati.

Nel nostro comune, dopo la votazione consultiva il popolo si è espresso negativamente alla riapertura del centro richiedenti asilo presso la ex caserma San Giorgio di Losone. Non è necessario che io sottolinei la mia particolare soddisfazione, ma è sicuramente necessario al fine che chi non ha ancora capito o fa finta di non capire che la decisione democratica dei cittadini è un segnale forte, rivolto alle autorità comunali, che la sicurezza, sulla quale spesso si fanno dei tagli è la base su cui poggia e radica la nostra collettività.

Un solo punto vulnerabile nella nostra sicurezza, destabilizza la qualità di vita e la serenità con la quale i nostri compaesani sono avvezzi a vivere. E questo non è un fattore soggettivo, ma il passato e il presente ci insegna che si tratta di un fattore oggettivo che lo si voglia ammettere o no.

A Losone, sono venuto a conoscenza durante la serata dibattito presso il Centro la Torre, durante l’esposto del Sindaco Corrado Bianda che vi sono comunque degli asilanti nel nostro comune, anche senza il centro all’interno della ex caserma San Giorgio, queste persone sono ospitate in appartamenti o camere, sono libere di vivere e circolare indisturbatamente per paese di Losone, quindi possiamo affermare che i cittadini di Losone sono accoglienti e che gli asilanti che risiedono a Losone sono persone degne di stima. Ma questo corrisponde al vero?

Pertanto mediante la presente interpellanza è mio desiderio conoscere meglio la situazione che lega me e i miei concittadini a questa situazione.

Chiedo le seguenti precisazioni e informazioni al Municipio:

  • Quanti sono i gli asilanti presenti nel nostro comune?
  • Queste persone risiedono temporaneamente nel nostro comune?
  • A quale etnia appartengono gli asilanti residenti a Losone?
  • Gli asilanti residenti a Losone sono impiegati in lavori di pubblica utilità o sono dipendenti presso dei datori di lavoro della zona?
  • Vi sono delle famiglie con prole tra gli asilanti che risiedono a Losone? Se si quante e come sono composte?
  • Tra gli asilanti che risiedono a Losone, se vi sono delle famiglie con figli in età scolastica, questi giovani sono integrati nelle normali scuole comunali?
  • Tra gli asilanti residenti a Losone vi sono tra di loro persone che hanno già avuto precedenti con le autorità di Polizia (Comunale o Cantonale)?
  • In quanti e quali appartamenti sono ospitate queste persone, specificare la loro ubicazione esatta?
  • Chi si occupa di questi asilanti?
  • Come vengono monitorati, questi asilanti, con che mezzi?
  • Chi si occupa di sorvegliare questi asilanti per verificare che non creino problemi o non infrangano leggi?
  • Quali sono le misure di sicurezza o le disposizioni, protocolli, impiegati o demandati alla nostra Polizia Comunale, legate a questi ospiti che risiedono nel nostro comune?
  • In passato vi sono già stati problemi con questo tipo con asilanti ospitati in appartamenti o camere, vi sono già state richieste d’intervento alla Polizia Comunale o Polizia Cantonale? Se vi sono già state richieste d’intervento specificare i motivi.

 

Chiedo inoltre al Municipio di fornire al sottoscritto e ai Consiglieri Comunali e Municipali che erano favorevoli alla riapertura del centro richiedenti asilo presso la ex caserma San Giorgio di Losone, gli indirizzi esatti dove risiedono nel nostro comune questi asilanti, così che questi colleghi Consiglieri Comunali e Municipali possano fornire un aiuto concreto al fine di integrare nel miglior modo possibile queste persone nella nostra realtà. A fine anno mi preoccuperò personalmente di fare visita a questi asilanti onde verificare quanti Consiglieri Comunali e Municipali hanno visto.

Sono certo della disponibilità del Municipio e del suo sforzo per favorire il benessere dei cittadini anche nel settore legato alla sicurezza, pertanto vi ringrazio anticipatamente.

Con Stima.

 

                                                           lega dei ticinesi sezione di losone

Il vice presidente Guidetti Orlando